Con Dante Global l’Italiano è digitale

 

La Società Dante Alighieri, con 132 anni di storia, affronta questa sfida, digitale e globale, con la nuova piattaforma Dante.global che guarda al rilancio dell’Italia e pensa al futuro puntando sul dialogo e sul valore delle emozioni e della bellezza.

"C’è bisogno di umanesimo – afferma il presidente Andrea Riccardi – in un mondo che cambia sempre più velocemente, dove i rapporti sociali si rinnovano e ridefiniscono. Abbiamo bisogno di nuove coordinate culturali, per non perdere la capacità di orientarci in un nuovo scenario dove il più grande valore è rappresentato dalle reti e dalle relazioni umane. Sullo scenario di società interconnessa la Dante avvia un nuovo progetto geoculturale e linguistico – prosegue – che è il nostro monumento al Poeta nel VII centenario della sua morte. Il nostro Paese ha bisogno di un grande progetto di rilancio e crediamo si debba basare su lingua e cultura, a sostegno dell’economia e del turismo, e sul libro, oggetto culturale e grande industria editoriale italiana, al centro delle strategie della Dante”.

La nostra lingua, anche se non è veicolare, continua ad essere studiata e richiesta dal mondo. Così, per soddisfare la richiesta diffusa di più Italia, la Dante punta sull’umanesimo e sullo stile, che raccontano una tradizione dove anche prodotti e tecnologie di alto profilo tecnologico portano con sé la traccia del genio di Leonardo e Michelangelo. La nuova piattaforma avrà tre stanze, per la lingua, la cultura e la formazione, con attività online e in presenza, e strumenti tecnologicamente avanzati che si rivolgeranno anche a professionisti e imprese.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Ministro degli Affari Esteri Luigi di Maio hanno presenziato all’inaugurazione della piattaforma Dante.global che si è tenuta nella sede di Palazzo Firenze a Roma oggi 14 aprile alle ore 11:00 .  Registrazione