Dantedì 2021

Un Dantedì tutto siracusano

Il comitato Dante Alighieri di Siracusa con il sostegno della Deputazione della Cappella di Santa Lucia ha celebrato la giornata dedicata a Dante con il primo concorso grafico/fotografico Dante e Santa Lucia – un incontro illuminante per tutte le scuole di ogni ordine e grado di Siracusa.

Accoglienza particolarmente sentita e grande partecipazione da parte degli studenti che, guidati dai docenti, hanno presentato i loro elaborati diversi sia per tecniche utilizzate che per interpretazione e creatività manifestate.

120 tra disegni a matita, acquerelli, tempere, foto e digital design, tutti accomunati dal desiderio di cogliere, rappresentare, suggerire, esprimere con l’incontro di Dante e Santa Lucia, il valore simbolico della luce foriera di speranza e di rinnovamento per l’uomo-poeta e l’umanità intera. Molti sono stati i riferimenti all’oggi: alle limitazioni, alla mancanza di contatti sociali, ed anche all’impossibilità di manifestare il sentimento devozionale alla nostra patrona con la tradizionale processione del 13 dicembre.

Sono significativi i passi della commedia nei quali la martire siracusana assume il ruolo di intermediaria tra il suo fedele Dante e la Vergine, come l’immagine di Lucia che prende dolcemente tra le sue braccia il poeta dormiente per adagiarlo all’ingresso del Purgatorio. “I’son Lucia ,dice a Virgilio, lasciatemi pigliar costui che dorme, si l’agevolerò per la sua via” (Purg. IX 52-63).

L’illustrazione tra il mistico e l’ingenuo del pittore inglese William Blake, è stata una delle fonti di ispirazione piu seguite dagli studenti, ma non sono mancati riferimenti al linguaggio dei fumetti e ai giochi digitali, come il “Dante’s Inferno – I tormenti di Santa Lucia” per console PlayStation .Chissà che forse con questi contributi non si possa inaugurare un nuovo filone di tavole illustrate sul tema, visto che il binomio Dante/Beatrice è quello imperante nel panorama iconografico.

L’evento conclusivo, seguito in streaming, ha visto la partecipazione dei numerosi soci, del sindaco Francesco Italia, del prof. Massimo Arcangeli e della commissione giudicatrice, presieduta dalla dott.ssa Concetta Ciurcina  e costitutita dall’avv. Giuseppe Piccione, dal prof. Emanuele Di Mauro, la dott.ssa Marialaura Gionfriddo e dalla presidente del comitato.

A breve verrà pubblicato sul sito del comitato Dante Alighieri un video con tutti gli elaborati dei ragazzi .

Arrivederci al prossimo anno.

La Presidente del Comitato Dante Alighieri di Siracusa

Prof.ssa Mariateresa Mangano

I VINCITORI

per la scuola primaria
VA
dell’istituto Capuana di Avola

per la scuola secondaria di I grado
Marta Silvestrini
del Wojtyla

per la secondaria superiore
Salvatore Scorpo
Quintiliano di Siracusa

Cinquegrana, Coletta, Cutrale
P. Orsi

Per il nostro progetto siamo partiti dall’approfondire la lettura del canto IX del Purgatorio, nel quale é coinvolta la figura di Santa Lucia, che trasporta in volo Dante sino alla porta del Purgatorio. I fogli, tenuti in mano da noi tutti, riportano proprio i versetti dal 55 al 57, centrati sulla figura di S.Lucia , importante per noi siracusani, perché patrona della città e custode della vista, simbolicamente la luce della salvezza. Abbiamo voluto rappresentare la porta del Purgatorio nella nostra realtà, immaginandola come la porta della chiesa di Santa Lucia alla Badia, situata in piazza Duomo, nell’isola di Ortigia. Essa accoglie i fedeli, come la porte del Purgatorio è aperta per il passaggio delle anime che faranno il cammino di redenzione, concesso dalla grazia e dalla luce divina, rappresentata nella Commedia dalla nostra martire Lucia.

Alla stessa maniera, passare dalla porta della chiesa è fare il percorso comunitario per congiungerci a Dio attraverso la luce che, filtrando dalle finestre, illumina simbolicamente l’altare. Il passaggio dalle porte aperte (della chiesa e del Purgatorio) sino all’altare -Paradiso terrestre simboleggia dunque il cammino di purificazione dell’anima.

La scelta di raffigurare Dante con una figura femminile si collega invece, all’importanza del ruolo della donna come soggetto centrale della narrazione. La donna rappresenta l’inizio e la fine del percorso dantesco. Santa Lucia per Dante è una ‘’luce’’ che salva l’uomo dai peccati e lo aiuta a percorrere la strada delle verità.

La classe infine, ha voluto creare un legame tra ‘’passato e presente’’. Il passato l’abbiamo rappresentato con il libro della Divina Commedia aperto al nono canto e con lo sfondo della chiesa che risale al XVIII secolo. Il presente invece, nella scelta del mezzo tecnologico. All’interno del tablet è in corso una riunione digitale, l’unica che ci è concesso di fare in questo surreale momento della storia.